Londra vs Sydney

Sono un’italiana anomala. Non faccio mai comparazioni con l’Italia (se non una volta per specificare che lavorativamente, abbiamo un time management migliore..ma questo ve lo spiegherò un’altra volta). Da quando sono a Sydney non ho mai detto “il cibo migliore è in Italia, la gente è più simpatica in Italia, l’Italia è più bella”. No, io le comparazioni al più, le faccio con..Londra. Me lo spiego perché ci ho passato un anno e può avvicinarsi di più ad uno stile da metropoli. Direi che è una spiegazione più che logica.

Quindi pensando a quante tonnellate di italiani ora siano a Londra e vogliano venire qui, ho pensato di fare una breve comparazione tra qui e lì.

Mercatini

Londra, spacca. Nemmeno se uniste tutti i mercatini di Sydney, arrivereste a snobbare Portobello, Brick Lane e Camden. Qui non si inventano le mode. Direi possa bastare come motivazione.

Meteo

Che ve lo dico affà? In due mesi che sono qui, ok mi son beccata un po’ di pioggia (inclusi i 3 gg non-stop della tempesta di aprile) ma niente a che vedere con il clima londinese. E non pensiate che a Sydney faccia sempre caldo (il 24 d’aprile, la sera c’erano 8 gradi). Però si insomma, non ci si può lamentare che in autunno si possa anche soffrire di temperature al di sopra dei 25 gradi (e se andate a Nord, dei 30).

Lingua

Eh, se arrivate da Londra, l’amato british, ve lo dovete scordare. Qui parlano un inglese tutto loro (mi avevano avvertito)..un misto di americano, con parole mangiate..e lo slang ti frega. Come se noi, parlando in slang dicessimo “io andato pranzare. Tu stare mandorle guarda.”. Si perché mandorle non è una parola, ma un modo di dire, magari. Insomma, se dovete imparare l’inglese, restatevene a Londra.

Smog

Io sono nella città più grande dell’Australia. Io sono in una delle città dall’aria più pulita al mondo. Non è pubblicità ma è verità. Smog? Cosa essere smog?

Cordialità

Se sei italiano e decidi di venire a Sydney, senza passare per Londra, capisco per te sia difficile considerare che qui siano cordiali. Se sei italiano, sei a Londra e sai cosa vuol dire che:

  • se qualcuno inavvertitamente ti tocca il gomito in metro, ti chiede scusa 2 volte, come se ti avesse bombardato casa
  • nessuno ti parla in metro, supermercato, palestra, parco, bus, piscina, pub (se sobrio)..
  • se tu ti avvicini per parlare con qualcuno, questo ti guarda con espressione tipo “che caxxo vuoi? Stai nel tuo.”
  • se ti piace qualcuno, non osi dirglielo e preferisci scrivere un annuncino su un free-newspaper tipo “ciao, io sono quello sulla metro delle 11.23 della Northern Line, diretto a Camden di venerdì 18 febbraio. Eravamo entrati assieme nella terza carrozza. Tu eri bionda ed avevi una gonna a fiori ed una maglietta rossa a pois. Io ero in giacca e cravatta blu, con ventiquattr’ore di pelle alla mano. Sei bellissima. Scrivimi se ti riconosci nella descrizione. Dan”. Devo commentare, peraltro?
  • se decidi di sfilare con un vestito di piume di struzzo viola, per la città, non ti si filerà nessuno. E magari tu ti ci eri vestita così, per attirare l’attenzione e conquistare sorrisi. Solo i turisti, ti fotograferanno.
  • se sorridi alla vista di un bimbo, e guardi la madre, lei fa una faccia da ringhiata come se le volessi strappare via il nascituro. Tranquillanti, graazie.

quando arriverai a Sydney e la gente sarà un pelino più aperta, tu sarai un po’ più contenta. I piccoli grandi risultati qui sono stati i seguenti:

  • una mi ha parlato in palestra, chiedendomi che corso andassi a fare. Robe che grido al miracolo.
  • le commesse di Coles sono sempre sorridenti e ti salutano cordialmente. Ok, son pagate per farlo, ma a Londra, fanno così fatica.
  • se tocchi il gomito in metro, dicono si sorry, ma fanno un sorriso. Che mi apre il cuore.
  • ai meetup, sono più lanciati a parlare. Non aspettano che ti avvicini perché non sanno come iniziare una conversazione.
  • se guardi la madre con nascituro e sorridi, lei sorriderà. Scettica, ma sorriderà.

Cibo

Ci sono taante schifezzine english style (tipo gli spaghetti con pomodoro in barattolo) ma il pesce è buono e te lo buttano in schiena (gergo per dire: costa poco). Carne: buona e poi puoi provare il canguro. Latte: buono. Verdura: buona (a differenza dei pomodori che sapevano d’acqua a Londra).

Lavoro

Non per essere ridondante, ma qui entri solo se hai un visto. Temporaneo (o permanent se hai un determinato lavoro messo in elenco nel sito del governo). Almeno a Londra, puoi stare quanto vuoi e non devi sperare di prendere uno sponsor (che il tuo boss deve pagare 7000 dollari) per restare a vivere qua.

Storia

Anno di fondazione di Londra: 43 d.C.

Anno di fondazione di Sydney: 26 gennaio 1788

Senza storia, ci sono meno cose da vedere e da sapere. Per gli appassionati, è un duro colpo.

Musei

Qui l’entrata ha un costo (pur avendo meno storia!). Ho detto tutto.

Cose da fare

Considerando che, dopo aver visto quei tot musei/edifici storici/parchi/spiagge/quartieri (questi ultimi sono un po’ ics: a Londra, da una strada all’altra, cambia l’architettura delle case, la pulizia, le facce; qui a Sydney è tutto regolare. Ok, posso andare a Newtown e vedere che è un quartiere più giovanile ed aprono un po’ di bei ristorantini, ma non è così diversa da Glebe – a parte il fatto di essere sulla baia), Sydney ha detto tutto. Ok, ci sono i festival e tante parate. Ma l’ansia da evento di Londra, qui non l’ho mai provata (per me, meglio!!!). Le 12 pagine sul Time Out online, di eventi, non le ho mai viste (mi sono fermata a 4). L’indecisione di andare a tre eventi contemporaneamente in 3 quartieri diversi, non si è mai proposta. L’idea che questa sia una città molto viva, non mi è passata per la mente, basti pensare che qui TUTTO chiude alle 5pm: negozi (si anche il centro commerciale), bar, banche (se non alle 4.30 e non per orario al pubblico), uffici; i grandi supermercati alle 10pm, i pub non danno più da bere dalle 10pm. Se siete abituati alla vita londinese, qui vi annoierete. E’ un dato di fatto.

Sanità

A Sydney funziona come in America. Viva le assicurazioni mediche private. Se non ce le hai, non vieni curato o ti arriva un salasso a casa: un dito ingessato costa 400dollari. L’ambulanza costa 3000 (e la Medicare non te la paga). A Londra te lo passa la cassa: God bless the Queen.

Popolazione

A Londra, il mix. A Sydney, la maggioranza ha gli occhi a mandorla. Impossibile non trovare un asiatico in qualunque parte di Sydney vi troviate. Giuro.

Stress

A mille a Londra. A Sydney, lavorando fino alle 17 ed avendo tutto il tempo di godersi la vita, non è incluso.

Bei tipi

Impossibile non innamorarsi ogni 10 secondi a Londra. I Londoner son proprio BELLI BELLI. Qui purtroppo, ci sono gli asiatici che gli fanno ombra.

Parità. E voi, se doveste comparare una città a Sydney, quale scegliereste e chi vincerebbe? Fatemelo sapere, che son curiosa!!

[social_share style=”circle” align=”horizontal” heading_align=”inline” text=”” heading=”” facebook=”1″ twitter=”1″ google_plus=”0″ linkedin=”1″ pinterest=”1″ link=”” /]

Comments

comments

Comments 2

Lascia un commento

    *