Australia – Adelaide

Adelaide Adelaide..

Nessuna intenzione di passarci nella mia vita, non era decisamente nella mia top ten..ma ci sono arrivata!

Che si può dire a grandi linee?

Per esempio che ha 1.203.873 abitanti, ed è per numero di abitanti, la quinta città dell’Australia. Inoltre è la più grande dello stato dell’Australia Meridionale. Grazie a Wikipedia ho scoperto che il motto civico è «Uniti per il bene comune». Io il bene comune lo vedo nella tranquillità e la gioia di vivere che lì regna. Il bene comune è tradotto nell’elezione di Adelaide, nel 2013, come la città più sicura del paese con il più basso tasso di criminalità per la popolazione.

Ciò significa che è una città molto tranquilla dove tutti vorrebbero nascere, farci una famiglia e passare la vecchiaia. Ci sono parchi, quartieri tranquilli, la via pedonale dei negozi, il fiume con i suoi cigni neri ed i pedalò..ed una moltitudine di cantieri aperti.

Devo dire la verità..tutta questa tranquillità, a me, annoia! Sono ggiovane (si dai, 31 anni tra due settimane), non mi interessa andare a party e discoteche..però qui non c’è nulla da fare. Almeno, dopo due giorni che passi a girarla, non c’è più nulla da vedere.

Dicono che la si può vedere in un giorno..io per dover aspettare il prossimo tour, ci sono stata 3 giorni. Un’enormità!!

Il mio ostello era lo Shakespeare’s Backpapers, a due vie parallele dalla stazione dei bus, a 3 minuti a piedi dal Central Market e da Coles, a 5 da Victoria Square (da dove partono i tram). Quindi ero addirittura nella CBD, nel centro città.

Casualità vuole che il mondo sia così piccolo da farmi incontrare il proprietario dell’ostello, figlio di un australiano che per la prima guerra mondiale, ha combattuto a Gorizia (da dove vengo io). Ovviamente figurina di cacca quando mi ha chiesto qualche aneddoto storico sulla vicenda..ed io non ho saputo dirgli niente (non ricordo proprio di aver studiato la storia di Gorizia, sinceramente).

A parte ciò, ad Adelaide ho visto tutto e di più: Victoria Square che è lunga 200 metri, un edificio ics anche detto Town Hall, il ponte pedonale tutto nuovo, i Botanic Gardens (ricordatevi che se lanciate una mela, rovinereste l’ecosistema..io stavo per farlo perché mi son detta “ah bon è un parco..e la mela si biodegrada”..poi son tornata in me), la fabbrica di cioccolato Haighs (senza guida tanto il tour si snoda su un corridoio lungo 10 metri), il National Wine Center (molto utile per me che sono astemia..), il Campus universitario sulla North Terrace (veramente grande!!), la State Library (che è composta da quella antica..dove trovate dei quadri e finisce li..e la nuova, con lo stile da design scandinavo che ora va tanto di moda). Rundle street è l’unica via di shopping decente (al di fuori dei soliti centri commerciali che trovate al Rundle Mall) ed il negozio top che vi consiglio ha un nome cinese ma di cinese dentro non c’è nulla ( Miss Gladys Sym Choon). Sono pure salita nella North Adelaide per vedere un po’ di belle ville e la St. Peter’s Cathedral ma poi a metà strada ha iniziato a diluviare e son tornata indietro..peccato perché sulla guida c’era scritto che è da lassù che si possono fare belle foto della città. E la Railway Station che è proprio vecchiotta ed è bella così. E poi, avendo conosciuto una ragazza su CouchSurfing, sono capitata a Glenelg (cittadina balneare a 12 km): freddo becco e tutto semi chiuso perché era autunno.

Insomma, vi ho lasciato per ultimo, i tre posti che mi son piaciuti di più di Adelaide:

  1. il Central Market che è pazzescamente bello. E’ un incontro di gente, cibo, profumi e colori. Scegliete quello che più vi piace dal formaggio, al pane, alla frutta sistemata quasi maniacalmente, prendete un Chai latte o uno smoothie fatto per voi con frutta fresca e fermatevi (vi prego!) allo stall 66 da Providore (una pasticceria che fa dei dolcetti buonissimi: dalla fonduta al cioccolato con le fragole, alla pavlova –dolce tipico australiano difficilissimo da cucinare, ai muffin gonfi con cuore di cioccolato o mirtilli, alle zeppole (si giuro!!), ai krapfen, ai macarons, etc etc –potete vederli pure sulla loro pagina Facebook!!)
  2. il giro in bici (presa gratis all’agenzia viaggi PeterPan che si trova attaccata all’ostello – no limite d’orario, no cauzione ma solo lasciare la carta d’identità) di 12 km dal centro (che bello essere in centro ed avere la pista ciclabile verde in mezzo al traffico..ti senti sicura anche con 3 corsie di macchine pronte a rombare allo scattare del verde del semaforo, attorno a te!). Di certo non ho fatto il tragitto per la strada MA per i parchi! Si perché se superate la Railway Station ed andate verso il nuovo ospedale, salite sul Montefiore road bridge, scendete dalla discesa e girate a sinistra nel parco, da lì parte la ciclabile per il mare. Ed è così che attraverserete la parte ancor più tranquilla di Adelaide, nei quartierini dove le case son ville senza recinzione e si affacciano sul parco e sul fiume della città, con gli anziani seduti sulle panchine a dare il pane raffermo alle papere, con i bambini che saltano allegri nei parco giochi, con le coppie di amici che portano il cane a spasso e ti salutano tutti (si perché questo è il bello di Adelaide. La serenità e la fiducia ed i sorrisi ed i saluti che la gente ti fa al loro incontro), con i cavalli al pascolo proprio alla fine del fiume che sfocia nel mare. Spettacolo.
  3. Leigh street. Considerata la via dei ristoranti (moolto carini). La riconoscete dai lampioni del 1800 installati che vi fa molto Francia e dal fatto che sia pedonale.

Se vi è venuta voglia di andarci, ecco questi sono gli spunti. Ed inoltre, vi consiglio di farlo a fine febbraio-inizio marzo, quando Adelaide diventa il ventre di un festival artistico conosciuto in tutta Australia e considerato una delle maggiori celebrazioni d’arte, al mondo. http://www.adelaidefestival.com.au/). Due settimane di eventi d’opera, teatro, ballo, musica classica e contemporanea, cabaret, letteratura, visual art e new media. La prossima edizione si terrà dal 26 febbraio al 14 marzo 2016.

Ed ora, un po’ di foto.

IMG_5403
la City Library
IMG_5408
i muffin di Providore
IMG_5407
il “logo” del Central Market
IMG_5406
i maiale sul Randle Mall
IMG_5400
ninfea gigante (che qua sembra piccola) al Botanic Garden
IMG_5394
cigno nero (eh si in Australia son così)
IMG_5390
il fiume con la fontana
IMG_5622
alba ad Adelaide

 

[social_share style=”circle” align=”horizontal” heading_align=”inline” text=”” heading=”” facebook=”1″ twitter=”1″ google_plus=”0″ linkedin=”1″ pinterest=”1″ link=”” /]

Comments

comments

Lascia un commento

    *